Per prima cosa in auto a guida autonoma, viaggia con Waymo e non c'è l'autista

Anonim

SAN FRANCISCO - Chiedete alla gente cosa pensano di essere guidati da un'auto senza conducente, e si rischia di ottenere uno scia-quando-è-qui sbadiglio.

Ora di svegliarsi.

Waymo, l'azienda di Google dedicata alla commercializzazione di veicoli autonomi, offrirà presto ai residenti della zona di Phoenix delle corse in Chrysler Pacificas con guida autonoma che non presentano nessuno al posto di guida. Solo tu e il tuo giro robotico.

"Quello che state vedendo ora segna l'inizio di una nuova fase per Waymo e la storia di questa tecnologia", ha detto il CEO di Waymo John Krafcik ad un pubblico al Summit Web di Lisbona, secondo una bozza di osservazioni fornite.

"Nel corso del tempo, ci espanderemo per coprire l'intera regione di Phoenix, che è più grande della Grande Londra", ha detto Krafcik, proiettando un video delle Pacificas senza conducente di Waymo che girano per le strade di Phoenix. "Il nostro obiettivo finale è portare la nostra tecnologia completamente autonoma in più città negli Stati Uniti e in tutto il mondo."

Inizialmente, uno staff di Waymo correrà con i passeggeri. Ma una volta che la novità di un volante che gira da sola svanisce, la compagnia progetta di rimuovere i suoi rappresentanti.

All'inizio di quest'anno, Waymo ha lanciato un programma di auto senza conducente nella città dell'Arizona come un modo per ottenere maggiori informazioni su entrambi i casi di utilizzo del pilota e le prestazioni del veicolo.

Circa 10.000 residenti hanno fatto domanda per il programma, che offre l'accesso gratuito a una Pacifica autogestita per le necessità quotidiane gestita in genere da un'auto personale, che va dalle riunioni ai giochi di calcio per bambini. Waymo non ha detto quante persone ci sono nel programma.

Nei prossimi mesi, alcuni di questi utenti verranno raccolti da un'auto con un posto di guida vuoto. In genere, le aziende automobilistiche con guida autonoma dispongono di un autista di sicurezza pronto a subentrare in caso di emergenza e in alcuni stati sono obbligatori i conducenti di sicurezza. L'Arizona è stata particolarmente accogliente per le compagnie automobilistiche autonome.

Gli ingegneri di Waymo sperano di far sentire i piloti più a loro agio nell'utilizzare auto a guida autonoma con l'aggiunta di una serie di pulsanti che possono richiedere un aiuto dal vivo, chiedere all'automobile di accostare e iniziare il viaggio.

La scorsa settimana, Waymo ha ospitato una cinquantina di giornalisti per dare un'occhiata per la prima volta al centro di test privato della società nella California centrale. Soprannominato Castle, ex base aerea, i grandi terreni sono caratterizzati da edifici e strade che consentono agli ingegneri Waymo di testare ripetutamente il nuovo software prima di dispiegare la tecnologia sulle strade pubbliche.

Al momento dell'evento, la ragione più ovvia per cui Waymo invitava gli estranei era semplicemente quello di posizionare l'azienda come all'avanguardia di un settore sempre più competitivo che include case automobilistiche di lunga data come Ford e Mercedes-Benz e start-up tecnologicamente avanzato ups come Tesla e Faraday Future.

Ma dato l'annuncio di Krafcik al Web Summit, i tempi del tour del Castello indicano che l'azienda era pronta a fare un annuncio del veicolo senza conducente e che voleva avere esperienza con un robot al volante.

Nel complesso, l'esperienza è stata priva di drammi e facile da abituare, ma bisogna tenere a mente che essere guidati da un algoritmo del computer nel mondo reale potrebbe indurre qualche ansia.

L'istruzione pubblica è un pezzo della strategia di Waymo.

Waymo ha provato a progettare per questo fatto, tra cui una serie di pulsanti per i passeggeri che includono uno che ordinerà alla macchina di accostare. Le auto dispongono anche di schermi che mostrano dove è diretto il veicolo e quali sono i suoi sensori, dalle altre macchine ai pedoni.

La maggior parte dei giocatori nel gioco di auto-guida ha preso di mira il 2020 per un debutto di flotte di condivisione del viaggio auto-guidanti. Gli esperti hanno a lungo presunto che tali veicoli non sarebbero stati di proprietà di singoli individui, ma piuttosto essere distribuiti e gestiti da grandi entità aziendali.

Anche le start-up di condivisione del ruolo come Uber e Lyft hanno fatto progressi tecnologici e hanno stretto collaborazioni in questa arena, in gran parte motivate dal fatto che i loro modelli di business passano da discutibili a redditizi se un pilota umano non fa più parte dell'equazione.

Nel suo discorso, Krafcik ha delineato un futuro prossimo in cui i veicoli a guida autonoma di Waymo potrebbero essere utilizzati per una serie di missioni, con interni da abbinare.

"Poiché stai accedendo ai veicoli piuttosto che possederli, in futuro potresti scegliere tra un'intera flotta di opzioni di veicoli su misura per ogni viaggio che desideri realizzare", ha affermato. "Uno (veicolo) per un pisolino, una sala da pranzo personale, un ufficio mobile o un veicolo solo per quando ci si sposta nel tuo nuovo posto ... Ma tutto inizia con quelle prime uscite completamente autonome."