Circa la metà dei volantini frequenti soddisfatti con i programmi

Anonim

I viaggiatori frequenti guadagnano quasi altrettanti chilometri sul terreno come fanno volando effettivamente, e altri pensano che i loro programmi di fidelizzazione delle compagnie aeree siano meno propensi a mantenere le promesse rispetto alle banche, alle compagnie telefoniche e ai piani di assicurazione auto.

Dimentica viaggi all'estero fantasiosi. Con un margine di oltre 3 a 1, i viaggiatori frequenti che dichiarano di raccogliere attivamente miglia aeree dichiarano di mirare a utilizzarli per voli gratuiti nei 48 stati più bassi, anziché per voli internazionali che in genere costano di più.

Questi sono i risultati del "Mile Satisfaction Survey 2014", commissionato da MileCards.com, un sito Web che consente agli utenti di confrontare le carte di credito di viaggio in base a dove vogliono volare. Il sondaggio, pubblicato esclusivamente per, ha misurato le percezioni dei clienti sul programmi fedeltà per i maggiori operatori statunitensi, interrogando 1.600 membri frequent flyer che affermano di raccogliere attivamente punti aerei nella speranza di riscattarli per un premio.

RISULTATI DEL SONDAGGIO COMPLETO: sondaggio sulla soddisfazione del mate 2014
OGGI NEL CIELO: US Airways, i viaggiatori frequenti del Delta prendono la vista più scura delle loro opzioni di distanza in miglia

Il sondaggio ha esaminato i programmi delle cinque maggiori compagnie aeree statunitensi: American, Delta, Southwest, United e US Airways - programmi che secondo MileCards.com rappresentano il 90% dell'abbonamento frequent flyer statunitense tra i vettori statunitensi.

Il sondaggio che esamina la soddisfazione dei frequent flyer deriva dal fatto che la natura dei programmi di fidelizzazione delle compagnie aeree si è evoluta da quando sono stati lanciati per la prima volta nei primi anni '80. Benché abbracciate sia dai viaggiatori d'affari sia da turisti, le compagnie aeree sono state aggressive nell'utilizzare vantaggi di alto livello per corteggiare i volantini aziendali che spendono di più.

"Quando questi programmi sono iniziati più di 30 anni fa, le miglia sono state progettate per mantenere i viaggiatori d'affari più frequenti", afferma Brian Karimzad, direttore di MileCards.com. "Ora le compagnie aeree guadagnano miliardi all'anno vendendo miglia, creando la sfida per soddisfare sia volantini frequenti che frequentatori."

In questo contesto, Karimzad afferma che il sondaggio offre una finestra su ciò che le compagnie aeree stanno facendo per rendere felici i loro clienti - e su cosa potrebbero fare meglio.

Tra i risultati più importanti del sondaggio:

  • Nel complesso, una lieve maggioranza di utenti di programmi frequent flyer - 53% - hanno dichiarato di essere generalmente soddisfatti del programma di fidelizzazione del proprio gestore primario e che lo raccomanderebbero a un amico.
  • Quasi la metà (45%) degli intervistati dichiara di guadagnare più punti dalle carte di credito e da altre promozioni a terra di quanto non facciano effettivamente.
  • I premi che costano più miglia o punti del previsto sono stati di gran lunga la più grande frustrazione tra gli intervistati del sondaggio. Questo è stato citato dalla metà degli intervistati - molto più del reclamo n. 2: improvvisamente cambiando le regole.
  • Quasi un quarto (23%) dei frequent flyer intervistati afferma di non "fidarsi" dei propri programmi miglia per mantenere le promesse. Quel livello di sfiducia era più alto di quello espresso per i provider di servizi via cavo (21%), le banche (11%) e le compagnie di assicurazione auto (9%). Tasse nascoste e cambiamenti improvvisi delle regole sono stati citati come i fattori principali per la sfiducia dei piloti nei confronti dei programmi delle compagnie aeree.
  • La compagnia aerea con il massimo indice di soddisfazione: Southwest, con il 62% dei membri di Rapid Rewards della compagnia aerea che ha affermato nel sondaggio che sarebbe "molto probabile" raccomandare il programma di quel vettore ad altri.
  • United è la compagnia aerea che ha il più alto numero di frequent flyer (40%) che dichiara di andare fuori strada per far volare quella compagnia aerea in modo che possano guadagnare miglia.
  • La valutazione di soddisfazione più bassa nel sondaggio era US Airways, con il 43% che raccomandava il programma. (US Airways ora è fusa con American) Delta - al 49% - era l'unica altra compagnia con un rating favorevole da meno della metà degli intervistati.

Molti dei risultati del sondaggio MileCards sono stati ripresi dal panel di Road Warrior dei frequent flyer, che consiglia l'organizzazione di notizie sui problemi di viaggio.

"Lo United mi soddisfa", dice Saul Klein di San Diego sul programma di fidelizzazione del vettore Mileage Plus.

Klein, vicepresidente senior di una grande azienda di software che vola per circa 100.000 miglia all'anno, afferma di cercare di restare unito a United "quando posso", anche se riconosce che è tanto "per i privilegi di linea e i privilegi di bordo dell'aereo" quanto miglia.

"Se stai volando tutto il tempo, quelle piccole cose fanno davvero la differenza", dice Klein.

Scott Pankow di Waupaca, Wis., Rispecchiava anche le preferenze rivelate nel sondaggio MileCards.com.

Pankow, consulente per una società di software del Wisconsin, guadagna circa 75.000 miglia all'anno per viaggi d'affari, ma usa la maggior parte delle sue miglia per viaggi negli Stati Uniti.

"Sono abbastanza soddisfatto", dice Pankow del programma SkyMiles di Delta, che usa di più. "So che le compagnie aeree stanno aumentando quello che fanno pagare per i biglietti gratuiti, ma il prezzo di quei biglietti sale anche se pagherai per loro direttamente."

Come molti degli intervistati del sondaggio di MileCards.com, Pankow dice di non usare le sue miglia per i viaggi internazionali, ma afferma di aver fatto sfoggio e riscattarle per il suo imminente viaggio di nozze alle Hawaii a settembre.

CHE COSA HA TROVATO L'INDAGINE

Risultati chiave dell'indagine sulla soddisfazione matta del 2014 dei frequent flyer:

Percentuale di giorni in cui i siti Web delle compagnie aeree hanno offerto premi all'economia degli Stati Uniti per il numero minimo di miglia nel campione di studio:
sud-ovest80%
Unito66%
Delta52%
americano48%
US Airways29%

Nota: il sondaggio ha campionato le date del viaggio da dicembre 2013 a settembre 2014.

Miglia medie necessarie per prenotare un premio economico nei 48 stati degli Stati Uniti più bassi:
sud-ovest21.176 (punti)
Delta32.499
Unito33.435
americano37.963
US Airways43.283

Nota: i biglietti premio di andata e ritorno più bassi pubblicizzati iniziano a 25.000 miglia su tutte le compagnie aeree ad eccezione del sud-ovest. I premi più bassi pubblicizzati per Southwest, che utilizza i punti, iniziano a 5.400 punti. Il sondaggio ha campionato le date di viaggio da dicembre 2013 a settembre 2014.

Siti web di facile consultazione per la prenotazione di biglietti premio (percentuale che ha dichiarato che i siti sono difficili da utilizzare):
Delta26%
US Airways25%
Unito21%
americano20%
Media complessiva20%
sud-ovest11%

Percentuale di membri del programma che probabilmente pensano che le miglia del loro programma siano "impossibili" da utilizzare per i voli:
US Airways17%
Delta16%
Media complessiva11%
americano10%
sud-ovest8%
Unito8%

Percentuale di membri del programma che probabilmente pensano che le miglia del loro programma siano "senza valore":
US Airways11%
Media complessiva7%
sud-ovest6%
americano5%
Delta5%
Unito5%