I ricercatori avvertono 500.000 router di consumatori infettati da malware

Anonim

I ricercatori di sicurezza hanno avvertito di un "sofisticato" malware che infetta circa 500.000 router di consumo in tutto il mondo.

Secondo un post sul blog dall'unità di cyberintelligence di Cisco Talos, i dispositivi noti influenzati dal malware "VPNFilter" includono i produttori Linksys, MikroTik, Netgear e TP-Link.

Talos ha affermato che il malware può consentire agli hacker di rubare le credenziali dei siti Web e di rendere un router inutilizzabile, interrompendo l'accesso a Internet.

Un router domestico.

"Poiché i dispositivi interessati sono legittimamente di proprietà di aziende o individui, l'attività malevola condotta da dispositivi infetti potrebbe essere erroneamente attribuita a coloro che sono stati effettivamente vittime dell'attore", si legge nel post di Talos.

Talos incoraggia i proprietari di router di piccole dimensioni e home office a riavviarli e a reimpostarli sui valori predefiniti dei fattori. Stanno anche spingendo i fornitori di servizi Internet a lavorare con i clienti per assicurarsi che i loro router siano aggiornati con le patch di sicurezza.

Nel frattempo, il Dipartimento di Giustizia ha annunciato gli sforzi di mercoledì per interrompere una botnet globale indirizzata a organizzazioni governative, militari e di sicurezza.

"Questi hacker sfruttano le vulnerabilità e mettono a rischio la privacy e la sicurezza della rete di tutti gli americani", ha dichiarato l'agente speciale dell'FBI in carica Bob Johnson in una dichiarazione.

I consumatori possono proteggersi dal malware sui loro router rimanendo aggiornati sugli aggiornamenti software e modificando le password predefinite.