Non veloce o furioso: guida nell'auto a guida autonoma di Ford

Anonim

DEARBORN, Mich. - Dopo un giro di 10 minuti sul sedile posteriore di un auto ibrido Ford Fusion in loop attorno al campus di ricerca dell'azienda, mi sentivo più sicuro che se mi fossi cacciato.

Mi ha ricordato un po 'del mio primo test di guida di successo all'età di 16 anni. Fermati un po' di più. Attendere fino a quando il pedone attraversa completamente l'incrocio. Ricorda, l'istruttore potrebbe portare via qualcosa di prezioso.

Questo è stato l'opposto della mia corsa con la leggenda NASCAR Bill Elliott a Road Atlanta negli anni '90.

"Seguiamo il limite di velocità (in questo caso 25 miglia all'ora). Guidiamo con la lettera della legge", ha detto Schuyler Cohn, uno dei due ingegneri Ford autonomi che hanno prestato servizio come miei compagni di viaggio. "Ci fermeremo per i pedoni sulle strisce pedonali, forse un po 'più a lungo di quanto farebbe la maggior parte delle persone."

Oggi, Ford ha 10 di questi veicoli e altri 20 sono in produzione, ha dichiarato Randy Visintainer, direttore Ford di veicoli autonomi. Entro il 2018 i dipendenti Ford potranno usarli per ottenere il campus di Ford.

Se stai cercando un'esperienza Fast and Furious, questa tecnologia non fa per te.

Ma Ford ha sufficientemente affinato la sua piccola flotta di ibridi Fusion autosufficienti per consentire a un gruppo di media internazionali di testarlo su una rotta specifica. La casa automobilistica si è impegnata a consegnare un veicolo completamente autonomo - senza volante, pedale del gas o del freno - a un servizio di condivisione del viaggio entro il 2021.

Come ammettono Ford e le altre case automobilistiche, questa tecnologia si rivolge a un gruppo di clienti molto diverso da quelli che hanno acquistato cinque generazioni di Mustang o che hanno piazzato il primo ordine per la GT ultra sportscar.

"Perché stiamo facendo questo? Le attitudini dei consumatori e le loro priorità in materia di veicoli e trasporti stanno cambiando ", ha affermato il CEO di Ford, Mark Fields." Il mondo è passato dal possedere veicoli al possesso e alla condivisione. Questo ci sta spingendo a riconsiderare il nostro intero modello di business ".

Le Fusioni autoassistenti dispongono ancora di volanti, pedali del gas e dei freni. L'ingegnere Ford Jakob Hoellerbauer era seduto al volante e avrebbe potuto prendere il controllo se necessario.

Eppure è facile individuarli dall'esterno. Portano tutti un aggeggio che sembra un po 'come un portabici sul tetto. All'interno di questo dispositivo sono montati quattro cilindri a rotazione rapida delle dimensioni di una lattina di alluminio da 20 once. Questi sono i moduli Lidar che emettono raggi di luce a una velocità sbalorditiva per catturare ogni dettaglio dell'ambiente a circa 100 metri dal veicolo.

Quel paesaggio è già stato mappato in tre dimensioni fino a una definizione di un centimetro di ogni segnale di stop, auto parcheggiata o cordolo.

Velodyne, il fornitore di Lidar in cui Ford ha investito $ 150 milioni, è vicino a rilasciare la prossima generazione che renderà i cilindri rotanti più piccoli e più facili da imballare.

A complemento di questi cilindri di filatura si trovano minuscole telecamere montate su paraurti e specchietti laterali nonché radar a corto e lungo raggio.

Mentre la tecnologia può "insegnare" al veicolo di rimanere all'interno di linee di corsia, fermarsi ai semafori e fermare luci e rilevare pedoni, biciclette e persino animali domestici o altri animali, non è ancora in grado di riconoscere le onde della mano, i cenni della testa e altri interpersonali comunicazione non verbale che i conducenti utilizzano per evitare le piegature dei parafanghi agli incroci. Almeno non ancora.

Jim McBride, leader tecnico Ford per i veicoli autonomi, ha dichiarato che il suo team ha anche tracciato le rotte dal quartier generale Ford World lungo la I-94 fino all'aeroporto Metro. Ciò richiede la programmazione del veicolo in modo diverso.

"Con i percorsi autostradali non ci sono molte strade che si intersecano, pedoni o automobili", ha detto McBride. "Ma l'energia cinetica è molto alta, le cose accadono molto velocemente, devi capire meglio e pianificare tempi di reazione più rapidi.

"In un ambiente urbano non si ha bisogno di sentire fino a qui, ma poi c'è un sacco di confusione Pedoni e macchine e svolte a sinistra non protette e passi carrai.Utilizzi maggiore energia cinetica per una maggiore complessità."

Poi c'è la sfida di ottenere sensori e fasci di luce per leggere chiaramente la strada su neve, ghiaccio e persino pioggia battente.

Capire come costruire questi veicoli in un impianto di assemblaggio convenzionale è un altro compito prima di McBride e Visintainer. Ora queste poche Fusioni di ricerca sono costruite a mano a Dearborn, ma questo è estremamente costoso. Ricorda che queste vetture inizialmente saranno vendute o affittate a società di passaggio che non sono ancora redditizie.

Ma la tecnologia è avanzata molto nell'ultimo anno. I principali attori dell'industria automobilistica e della Silicon Valley hanno già stanziato miliardi di dollari. Uber sta lanciando alcuni veicoli completamente autonomi nel suo servizio di Pittsburgh questo mese.