Marriott importa un nuovo marchio alberghiero per i Millennial

Anonim

Marriott International annuncia oggi i piani per introdurre negli Stati Uniti una catena alberghiera europea che si rivolge ai viaggiatori più giovani, esperti di tecnologia e design.

Marriott importerà l'AC Hotels by Marriott, un marchio midprice con sede a Madrid con cui collaborò nel 2011 per ampliare la sua presenza europea. Il gigante dell'ospitalità di Bethesda, con sede a Md., scommette sulla catena alberghiera dello stile di vita urbano per catturare il redditizio mercato del Millennio e il suo potere d'acquisto in rapida crescita.

"È il momento giusto per portarlo negli Stati Uniti", afferma Brian King, responsabile del marchio a livello mondiale per Marriott Endorsed Brands. "Importi vino e importi auto, importeremo una marca di hotel."

È una novità per Marriott. Ed è la seconda mossa aggressiva che la compagnia ha fatto quest'anno sui viaggiatori di Generation X e Y. Recentemente, Marriott ha annunciato che sta collaborando con la società svedese di mobili IKEA per lanciare Moxy, una catena di bilancio per l'Europa. Gestirà AC Hotels by Marriott come una joint venture negli Stati Uniti. Ci sono già 79 AC Hotels by Marriott in Spagna, Portogallo, Francia e Italia.

Albergatori e ricercatori dicono che i Millennial, quelli in genere nati negli anni '80 e nei primi anni 2000, sono viaggiatori unici perché vogliono rimanere costantemente connessi attraverso i social media, vogliono spazi da coffeehouse dove possono lavorare e giocare, e vogliono essere unici e locali servizi. Vogliono anche tutto all'istante e in un ambiente confortevole e moderno.

La compagnia descriverà i suoi piani per AC Hotels by Marriott alla 35esima Conferenza annuale sugli investimenti nel settore alberghiero internazionale della New York University.

King dice che i viaggiatori d'affari di Generation X e Y sono stati sottoserviti. Ha citato una ricerca Marriott che indica che i viaggiatori d'affari dai 21 ai 49 anni che fanno tre o più viaggi d'affari all'anno spendono 34 miliardi di dollari in camere d'albergo.

"Questa generazione.

sono cresciuti con Gilt, Target, Fab.com, Apple ", afferma." Questi marchi sono economici e alla moda e sono di bell'aspetto e si sentono curati. E questo è ciò che AC Hotels è. "

Chekitan Dev, professore associato presso la School of Hotel Administration della Cornell University e autore di Hospitality Branding, afferma che altre società alberghiere hanno lanciato marchi per attrarre il giovane viaggiatore, in particolare Starwood's Aloft e IHG's Hotel Indigo. Commune Hotels & Resorts, società madre di Joie de Vivre Hotels e Thompson Hotels, la scorsa settimana ha annunciato che sta lanciando Tommie, un marchio per il viaggiatore giovane e attento al prezzo.

"Ci sono più marchi che stanno capitalizzando la crescita della domanda del Millennio con design intelligente e tecnologia avanzata", afferma Dev. "Questo spazio dovrebbe crescere".

King dice che gli AC Hotels piaceranno a quei viaggiatori che apprezzano il design, la tecnologia, l'illuminazione e un servizio rapido ed efficiente. Una sala AC avrà un menu di piccoli piatti, cocktail, vini e birre artigianali. I visitatori potranno prenotare spazi per riunioni dai loro smartphone utilizzando l'app Workspace on Demand di Marriott. E il Wi-Fi sarà gratuito in tutta la struttura.

King dice che Marriott spera di aprire 200 AC Hotels by Marriott nei prossimi 10 anni. L'azienda sta esplorando le location per la prima proprietà ma potrebbe aprirne una appena l'anno prossimo.

APPARE A MILLENNIALI

I Millennials sono già più numerosi della generazione di Baby Boomer. Secondo il Dipartimento per gli affari economici sociali delle Nazioni Unite, ci sono circa 79 milioni di Millennials contro 76 milioni di baby boomer. Entro il 2030, i Millennials dovrebbero superare il numero di baby boomer di 22 milioni.

I più anziani Millennials stanno iniziando a spendere di più e viaggiano di più, soprattutto per lavoro, dicono gli esperti.

C. Patrick Scholes, un analista di giochi e di alloggio per SunTrust Robinson Humphrey, afferma che gli hotel hanno iniziato ad attrarre le giovani generazioni prima del successo della recessione. La recessione ha rallentato la costruzione dell'hotel, ma ora gli hotel sono pronti a prendere il ritmo.

"Man mano che l'economia migliora e lo sviluppo inizia lentamente a tornare, è una progressione naturale che le aziende alberghiere faranno dopo la prossima generazione di viaggiatori d'affari", dice.

Un'indagine condotta lo scorso anno dal Boston Consulting Group di 4.000 millenni di età compresa tra 16 e 34 anni e 1.000 non millennial tra 35 e 74 anni ha riscontrato differenze fondamentali tra i consumatori di entrambe le fasce d'età. I millennial apprezzano la velocità e la convenienza, sono più propensi a fidarsi dei consigli dei colleghi rispetto alle persone con credenziali professionali e utilizzano la tecnologia per connettersi con più persone in tempo reale, lo studio ha rilevato.

Dev dice che gli hotel rispondono a questo "enfatizzando luoghi scomodi e accessibili, design moderno e confortevole, stanze più piccole e funzionali, servizi meno numerosi e mirati, tecnologia all'avanguardia e facile da usare, servizio divertente e ospitale e spazi pubblici meno numerosi e multifunzionali. "

Aloft, che ha 70 hotel in 10 paesi, ha attratto viaggiatori d'affari più giovani con musica dal vivo in atri e servizi high-tech, come lo Smart Check-In, che consente ai membri del programma fedeltà di aggirare la reception e andare direttamente alle loro stanze con speciali chiavi magnetiche.

Recentemente, Aloft ha anche collaborato con Design Within Reach, noto per il suo design moderno, per arredare gli spazi pubblici degli hotel.

"Siamo rivolti verso le persone che amano il design, come la moda: sono interessati alla tecnologia di prossima generazione", afferma Brian McGuinness, vicepresidente senior per i marchi selezionati di Starwood. "Stanno sfogliando Architectural Digest, amano il design moderno e anche l'autenticità".

Il design è importante anche per la clientela di Hotel Indigo, afferma Mary Winslow, direttore del marchio americano per l'Hotel Indigo. Dice che Indigo, che ha avuto inizio nel 2004, non ha come target alcun particolare demografico. Invece, gli hotel si rivolgono alle persone che mostrano determinati comportamenti.

"Guardiamo più al comportamento e agli interessi dell'ospite", dice. "Sappiamo che sono curiosi, che cercano nuove esperienze, che apprezzano il design vibrante.

È più su chi sono. "

Questo approccio ha funzionato abbastanza bene per la società che prevede di raddoppiare le dimensioni da 51 hotel in tutto il mondo a circa 100 nei prossimi tre-cinque anni.

Commune's Tommie, che sarà lanciata a New York nel 2015, sta sfidando senza fretta i Millennial. Le sale pubbliche chiamate Sale di lettura promuoveranno la socializzazione. Gli ospiti saranno in grado di controllare se stessi e cenare da un mercato grab-and-go gourmet. Le tariffe rimarranno nella fascia di $ 200 a causa dei servizi limitati.

"Stiamo creando hotel che attireranno i viaggiatori giovani, esperti di design, connessi e perspicaci alla ricerca di esperienze coinvolgenti e responsabili", afferma Jason Pomeranc, co-presidente di Commune Hotels & Resorts e fondatore di Thompson Hotels.