Le stazioni di allattamento facilitano la mobilità aeroportuale per le mamme che allattano

Anonim

Viaggiatrice abituale Katy Mann non è "una badante super confortevole in pubblico, non importa quanto io sia coperto". Quindi, quando arriva il momento di curare il bambino in un aeroporto mentre viaggia con i suoi figli, Mann dice che la sua unica opzione è spesso seduta su un pavimento del bagno sporco in un bagno di famiglia.

Non è più facile quando viaggia senza il suo bambino.

Negli aeroporti, "trovo difficile trovare un posto dove pompare", ha detto Mann. "Così mi siedo su un gabinetto in una stalla, completamente vestito, cercando di rimanere il più pulito e igienico possibile e poi scarico (il latte) nella toilette perché quei bagni potrebbero essere piuttosto sporchi."

L'esperienza dell'aeroporto di Mann è abbastanza comune.

Nel novembre 2014, uno studio per determinare quali aeroporti statunitensi offrivano i requisiti minimi per una madre che allattava il seno (uno spazio privato con una sedia, un tavolo e prese elettriche - diverso da un bagno) ha mostrato che mentre 62 dei 100 aeroporti hanno riferito di essere "favorevole all'allattamento al seno", solo otto degli aeroporti intervistati hanno fornito camere per l'allattamento privato che soddisfacevano i requisiti minimi.

Questi aeroporti erano l'aeroporto internazionale di San Francisco, Minneapolis-St. Aeroporto Internazionale Paul, Aeroporto Internazionale di Baltimora / Washington, Aeroporto Internazionale di Indianapolis, Aeroporto Internazionale Mineta San Jose, Aeroporto di Akron-Canton in Ohio, Distretto Regionale di Dane in Wisconsin e Aeroporto Internazionale di Pensacola in Florida.

"Il fatto che solo sei su otto offrano una stanza all'interno dell'area protetta, il 37% ha riferito di aver designato camere per l'allattamento e il 25% di quegli aeroporti pensa che un bagno sia un luogo appropriato per una madre per allattare il suo bambino o per esprimere latte la mancanza di comprensione dei bisogni della madre che allatta il seno ", conclude lo studio.

Le amministrazioni aeroportuali di molte città sembrano aver ricevuto il messaggio. E, come spa e punti di ristoro per buongustai, potremmo essere in grado di dichiarare ufficialmente le strutture per l'allattamento e le stazioni per l'allattamento create appositamente per i servizi aeroportuali.

Nel settembre 2014, il Dipartimento dell'Aviazione di Chicago ha aperto una Mother's Room sul Concourse C all'aeroporto internazionale di Midway. Si sta prendendo in considerazione la creazione di uno spazio simile nell'aeroporto O'Hare.

Con il suo reboot di ottobre 2014, Dallas Love Field ha aggiunto una stanza per le mamme che allattano dall'altra parte del corridoio da un'area giochi per bambini.

"Ci siamo resi subito conto che era necessaria una struttura adeguata: un luogo pulito e tranquillo per l'allattamento", ha dichiarato Mark Duebner, direttore dell'aviazione per la città di Dallas. "Fin dalla sua apertura, abbiamo avuto un ottimo feedback e siamo orgogliosi di offrire ai nostri clienti un'ulteriore opportunità."

A dicembre 2014, l'aeroporto internazionale di Phoenix Sky Harbor ha aggiunto stazioni di assistenza pre-sicurezza in ogni terminal, al costo di $ 8.000 a $ 12.000 per ogni spazio convertito o adattato. Ogni stanza contiene un lavandino e un piano di lavoro, un distributore di sapone, un distributore di asciugamani di carta, una fasciatoio, comodi posti a sedere e una presa elettrica.

E mentre metteva da parte una stanza per le madri che allattavano diversi anni fa (prima c'era persino un pittogramma ufficiale per indicare lo spazio), all'inizio di marzo 2015 Minneapolis-St. L'aeroporto internazionale Paul ha aperto due centri per l'allattamento nel Terminal 1, Lindbergh, progettato appositamente per le madri che esprimono il latte prima di imbarcarsi sui loro voli. (Una stanza è sul Concourse F vicino al Gate F2, l'altra è sul Concourse C di fronte al Gate C13. Una terza sala si aprirà nel Terminal 1 all'ingresso del Concourse E più avanti quest'anno).

Le nuove camere per l'allattamento hanno un lavandino profondo per le attrezzature per la pulizia, prese elettriche facilmente accessibili, luci soffuse, opere d'arte, un fasciatoio e comodi posti a sedere. Ci sono anche alcuni extra pensanti, come una stazione di ricarica USB, ganci per appendere indumenti e borse e uno specchio a figura intera "così quando ti rimetti insieme tutto è tornato dove vuoi che sia", portavoce dell'aeroporto Melissa Scovronski ha detto.

Mentre alcuni aeroporti stanno ritagliando lo spazio per le camere per l'allattamento, altri stanno introducendo stazioni di lattazione mobili e autoportanti.

Nell'agosto 2013, il Vermont's Burlington International Airport (BTV) ha installato un prototipo di unità per l'allattamento pod-like fabbricato dalla società locale Mamava. L'unità ha sedili a panchina, una presa di corrente e un tavolo pieghevole per l'utilizzo con un tiralatte, luci soffuse, uno specchio e spazio per i bagagli e / o un passeggino.

Il pod per l'allattamento è gratuito e ha avuto un grande successo con i passeggeri del BTV, ha detto la portavoce dell'aeroporto Erin Knapp, e "un'ottima opzione per la privacy per le famiglie in viaggio".

Giusto in tempo per le vacanze di primavera, la scorsa settimana il General Mitchell International Airport di Milwaukee ha annunciato l'acquisto e l'installazione di tre suite per l'allattamento al Mamava. Uno si trova prima della sicurezza e due sono al di fuori dei controlli di sicurezza, sui Concorsi C e D.

Le suite sono una buona aggiunta ai numerosi servizi per famiglie in aeroporto, ha detto la portavoce dell'MKE Patricia Rowe, e "sappiamo a volte che l'amichevolezza familiare di un aeroporto può essere un fattore decisivo per l'aeroporto che una famiglia sceglierà per il suo viaggio. "

Guardando al futuro, l'Autorità portuale di New York e New Jersey ha in programma di implementare pod per l'allattamento al Mamava negli aeroporti dell'area di New York, "nelle prossime settimane", a partire dal Terminal B del Liberty Newark International Airport e dal LaGuardia's Central Terminal Building. L'amministratore delegato di Mamava, Sascha Mayer, ha detto che ha anche parlato con gli aeroporti di Atlanta e Houston e che i pod di lattazione potrebbero essere presentati in quegli aeroporti entro la fine dell'anno.

"Le mamme in viaggio che allattano al seno hanno bisogno di un posto privato e confortevole", ha detto Suzanne Rowan Kelleher, esperta di vacanze in famiglia su About.com. "Gli spazi per l'allattamento e le camere per infermieri risolvono questo problema: ci sono servizi aeroportuali da molto tempo che sono felice di vedere prendere".

ALTRO: leggi le colonne precedenti