'La critica è valida': Uber, i driver Lyft potrebbero fare più di $ 3, dice l'autore del MIT paper

Anonim

Dopo che un documento di lavoro pubblicato dal Massachusetts Institute of Technology ha affermato che il 74% dei conducenti di Uber e Lyft porta a casa meno del salario minimo, l'autore dell'articolo ha detto che la sua analisi potrebbe essere sbagliata.

Il documento ha suggerito un profitto medio per i conducenti di Uber e Lyft di $ 3, 37 all'ora dopo le spese del veicolo ma prima delle tasse, molto meno del salario minimo federale nella maggior parte degli stati. I risultati si sono basati su un sondaggio di oltre 1.100 autisti Uber e Lyft.

Uber e Lyft hanno criticato i risultati, dicendo che le domande del sondaggio erano errate.

Stephen Zoepf, l'autore principale del giornale, ha risposto alle critiche di lunedì, ringraziando il capo economista di Uber per il suo feedback.

"In retrospettiva, le domande del sondaggio potevano e dovevano essere formulate in modo più chiaro", ha detto Zoepf in una nota. Ha anche invitato Uber a fare una "valutazione onesta e pubblica" della gamma di profitto del conducente di ride-ride dopo il costo di acquisizione, gestione e manutenzione di un veicolo.

Zoepf ha proposto due risultati diversi. In uno scenario aggiustato utilizzando i numeri di entrate mensili quando disponibili e calcolando i numeri orari utilizzando il programma di lavoro riportato, l'utile medio sale a $ 8, 55. In un altro metodo, utilizzando i numeri delle entrate orarie riportate quando disponibili, il profitto medio sale a $ 10 all'ora.

L'autore ha detto che "condurrà una revisione completa del documento".

In entrambi gli scenari, alcuni conducenti stanno ancora facendo meno del salario minimo nel loro stato e alcuni conducenti perdono denaro, secondo Zoepf.

La pubblicazione del giornale della scorsa settimana ha attirato l'attenzione, confermando la preoccupazione che il modello di appaltatore indipendente delle compagnie di passaggio - dove i piloti lavorano per se stessi, piuttosto che le aziende come dipendenti - rende quasi impossibile per i conducenti trarre profitto senza lavorare pericolosamente lunghe ore .

Ma le aziende hanno criticato il modello dello studio.

Il capo economista di Uber, Jonathan Hall, ha ulteriormente criticato il documento in un post pubblicato su Medium, affermando che i difetti nella metodologia hanno distorto in modo errato le risposte dei conducenti su ciò che hanno guadagnato.

Domenica, il nuovo CEO di Uber, Dara Khosrowshahi, ha confessato il MIT su Twitter, dicendo "MIT = Teorie matematicamente inadeguate (almeno per quanto riguarda la condivisione in sella)" e ha fatto riferimento a due sondaggi alternativi, tra cui quello del publisher di The Rideshare Guy che ha trovato i driver fatti, in media, guadagni orari di $ 15, 68 - anche se questo è prima delle spese del veicolo come gas e manutenzione .

"Ringraziamo il professor Zoepf per aver riconosciuto un grosso difetto della sua metodologia e appoggiamo la sua decisione di condurre una revisione completa del documento nelle prossime settimane", ha detto in una nota Michael Amodeo, portavoce di Uber.

Lyft rimane critico nei confronti dei dati.

"Sebbene i risultati rivisti non siano così imprecisi quanto i risultati originali, i guadagni degli autisti sono ancora sottostimati", ha detto Adrian Durbin, un portavoce di Lyft in una nota. "Lo studio del MIT ha problemi metodologici fondamentali".