Alaska Air conferma i piani per l'acquisizione di Virgin America

Anonim

Una delle più vecchie compagnie aeree della nazione ha annunciato l'intenzione di acquistare uno dei suoi più recenti lunedì, quando la casa madre di Alaska Airlines ha confermato un accordo da $ 2, 6 miliardi per l'acquisizione di Virgin America.

La mossa dà vita a un'ondata di consolidamento del settore che sembra essersi conclusa dopo la fusione American-US Airways che è stata chiusa l'anno scorso.

L'ultimo accordo avrebbe riunito Alaska Airlines e Virgin America con sede a Seattle, combinando le compagnie aeree che godono di una forte reputazione del servizio clienti in un singolo juggernaut della West Coast.

BOOKMARK : vai direttamente al blog Today in the Sky

USA OGGI

Branson: 'Nulla potrei fare per fermare' la fusione Virgin America

Arriva anche dopo quattro mega-fusioni dal 2008, contratti che hanno coinvolto otto delle più grandi compagnie aeree degli Stati Uniti e li hanno combinati in quattro vettori più grandi che ora controllano collettivamente circa l'80% del mercato statunitense.

"Per una compagnia aerea come l'Alaska, la scala è rilevante", ha dichiarato Brad Tilden, CEO dell'Alaska Air Group che include Alaska Airlines, sul contesto in cui la sua compagnia ha fatto una mossa per Virgin America.

USA OGGI

L'iconico eskimo dell'Alaska Airlines si rinnova

Alaska Airlines, che ha radici tracciando fino al 1932, è la compagnia aerea dominante nel nord-ovest del Pacifico. È il vettore più attivo sia per l'aeroporto internazionale di Seattle-Tacoma in rapida crescita sia per l'Oregon's Portland International.

Virgin America ha iniziato a volare solo nel 2007, lanciato con il sostegno parziale del magnate britannico Sir Richard Branson e il suo marchio Virgin globale. La compagnia aerea è diventata uno dei principali attori in California, stabilendo il suo più grande hub a San Francisco e un'altra a Los Angeles.

Virgin America ha iniziato a mettere a segno degli stimoli a marzo per testare le acque di un potenziale acquirente, quando Alaska Air ha avviato la sua offerta di acquisto. C'era anche un'offerta concorrente di JetBlue, ma Alaska Air ha vinto dopo quello che Tilden ha definito una "competizione molto combattuta".

USA OGGI

Gli "Space Bins" di Alaska Air sono disponibili in un ampliamento più ampio della cabina

FacebookTwitterGoogle + LinkedIn

Alaska Airlines svela il rifacimento del logo, degli aerei

A schermo intero

Pubblicare su Facebook

Pubblicato!

Un link è stato pubblicato sul tuo feed di Facebook.

Un Alaska Airlines 737-800, recentemente dipinto nel marchio aggiornato della compagnia aerea nel 2016, è pronto per essere rivelato nell'hangar di manutenzione della compagnia aerea a SeaTac, Washington, il 25 gennaio 2016. Alaska Airlines

A schermo intero

Un Boeing 737 con livrea aggiornata della Alaska Airlines è visto prima della presentazione ufficiale della compagnia aerea il 25 gennaio 2016. Jeremy Dwyer-Lindgren, speciale per

A schermo intero

Questo rendering mostra la nuova livrea di Alaska Airlines, che presenta un volto Eskimo aggiornato e un marchio stilizzato Alaska più pulito (logo). Alaska Airlines

A schermo intero

Gli equipaggi posano davanti al Boeing 737 sfoggiando la livrea aggiornata dell'Alaska Airlines il 25 gennaio 2016. Jeremy Dwyer-Lindgren, speciale per

A schermo intero

Entro la fine del 2016, Alaska Airlines sostituirà tutti i banchi check-in e le aree gate in 100 aeroporti. Alaska Airlines

A schermo intero

A partire dalla primavera del 2016, i membri del piano di chilometraggio Alaska Airlines di livello elitario riceveranno le carte con il nuovo logo. Alaska Airlines

A schermo intero

Un Boeing 737 con livrea aggiornata della Alaska Airlines è visto prima della presentazione ufficiale della compagnia aerea il 25 gennaio 2016. Jeremy Dwyer-Lindgren, speciale per

A schermo intero

Un Boeing 737 con livrea aggiornata della Alaska Airlines è visto prima della presentazione ufficiale della compagnia aerea il 25 gennaio 2016. Jeremy Dwyer-Lindgren, speciale per

A schermo intero

Un Boeing 737 con livrea aggiornata della Alaska Airlines è visto prima della presentazione ufficiale della compagnia aerea il 25 gennaio 2016. Jeremy Dwyer-Lindgren, speciale per

A schermo intero

Un Boeing 737 con livrea aggiornata della Alaska Airlines è visto prima della presentazione ufficiale della compagnia aerea il 25 gennaio 2016. Jeremy Dwyer-Lindgren, speciale per

A schermo intero

Alaska Airlines ha ripulito il suo logo - o il suo marchio - come parte di una revisione del marchio. Alaska Airlines

A schermo intero

Gli assistenti di volo dell'Alaska Airlines praticano una danza da esibirsi in occasione della grande rivelazione del nuovo logo e livrea del vettore il 25 gennaio 2016. Jeremy Dwyer-Lindgren, specialista per

A schermo intero

Il nuovo design arriverà sulla rivista "Alaska Beyond" della compagnia aerea a partire da febbraio. Alaska Airlines

A schermo intero

Un Boeing 737 con livrea aggiornata della Alaska Airlines è visto prima della presentazione ufficiale della compagnia aerea il 25 gennaio 2016. Jeremy Dwyer-Lindgren, speciale per

A schermo intero

Gli assistenti di volo avranno cravatte e sciarpe con la nuova gamma di colori di Alaska Airlines a partire da metà febbraio. Alaska Airlines

A schermo intero

Questo è il volto eschimese familiare che è apparso sulla coda degli aerei dell'Alaska Airlines dall'inizio degli anni '70. Alaska Airlines

A schermo intero

Il sito Web e l'app mobile di Alaska Airlines rifletteranno il marchio aggiornato a partire da lunedì 25 gennaio 2016. Alaska Airlines

A schermo intero

Un Boeing 737 con livrea aggiornata della Alaska Airlines è visto prima della presentazione ufficiale della compagnia aerea il 25 gennaio 2016. Jeremy Dwyer-Lindgren, speciale per

A schermo intero

Anche i tag per il bagaglio dell'Alaska Airlines saranno rinominati. Alaska Airlines

A schermo intero

Un Boeing 737 con livrea aggiornata della Alaska Airlines è visto prima della presentazione ufficiale della compagnia aerea il 25 gennaio 2016. Jeremy Dwyer-Lindgren, speciale per

A schermo intero

Un Boeing 737 con livrea aggiornata della Alaska Airlines è visto prima della presentazione ufficiale della compagnia aerea il 25 gennaio 2016. Jeremy Dwyer-Lindgren, speciale per

A schermo intero

Alaska Airlines inizia a lanciare un aggiornamento di questo marchio visivo a partire da lunedì 25 gennaio 2016, Alaska Airlines

A schermo intero

Interessato a questo argomento? Potresti anche voler vedere queste gallerie fotografiche:

Replay

    1 di 22

    2 di 22

    3 di 22

    4 di 22

    5 di 22

    6 di 22

    7 di 22

    8 di 22

    9 di 22

    10 di 22

    11 di 22

    12 di 22

    13 di 22

    14 di 22

    15 di 22

    16 di 22

    17 di 22

    18 di 22

    19 di 22

    20 di 22

    21 di 22

    22 di 22

Riproduzione automatica

Mostra miniature

Mostra didascalie

Ultima diapositiva di diapositiva successiva

"Non eravamo intenzionati a vendere la società quando ci siamo avvicinati dall'Alaska", ha dichiarato il CEO di Virgin America David Cush in una telefonata di lunedì mattina per discutere della fusione con investitori e giornalisti. "Ma siamo soddisfatti del risultato di questa transazione. Il prezzo pagato è una grande vittoria per i nostri azionisti. I nostri dipendenti si uniranno a un'azienda vivace e ben gestita. Essere parte di una grande compagnia aerea offre una maggiore sicurezza del lavoro in un settore altamente consolidato ".

L'operazione è valutata a $ 57 per azione in un affare del valore di circa $ 2, 6 miliardi.

Jim Corridore, analista di S & P Global Market Intelligence, afferma che l'accordo è ottimo per Virgin America e sarebbe probabilmente un vantaggio - alla fine - anche per gli investitori dell'Alaska.

"È una grande mossa per gli azionisti di Virgin", dice, "l'Alaska sta pagando un prezzo molto alto per queste attività ma sono stati costretti a una guerra di offerte con JetBlue. Penso che sarà un grande affare per loro, ma prendere un po ' un po 'per il pagamento, in base al prezzo pagato ".

Alaska Air ha dichiarato che l'acquisizione di Virgin America, con sede a San Francisco, gli darà un "solido punto d'appoggio in California", lo stato più popoloso degli Stati Uniti.

Tilden ha indicato San Francisco International, dove ha affermato che Alaska Airlines vola attualmente su una delle prime 10 rotte dall'aeroporto. "Con questa acquisizione, voleremo a tutti e 10", ha detto Tilden. Sottolineando anche l'importanza della California, Tilden ha affermato che la scelta delle rotte transcontinentali di Virgin America influisce su "quanto i clienti residenti in California possono concentrare i loro viaggi con noi".
"Il nostro obiettivo è quello di essere la prima compagnia aerea per le persone che vivono sulla costa occidentale", ha detto Tilden, definendo le partecipazioni in California di Virgin America "beni immobiliari di grande valore".

"Ci dà la possibilità di essere la tua compagnia aerea di riferimento se si vive ovunque su e giù per la costa occidentale."

Combinato, Alaska Airlines e Virgin America hanno detto che la compagnia combinata avrebbe 1.200 partenze giornaliere, con hub a Seattle, San Francisco, Los Angeles, Anchorage e Portland, Oregon. Il suo quartier generale rimarrà a Seattle.

I membri di Frequently-flier di Virgin America sarebbero "benvenuti" nel programma MileagePlan di Alaska Air. E Alaska Airlines ha dichiarato che intendeva acquisire un unico certificato operativo per i due vettori.

Oltre a ciò, tuttavia, il destino non era immediatamente chiaro per il marchio Virgin America o per la sua flotta di aerei Airbus.

Alaska Air attualmente utilizza solo jet Boeing 737 per il suo servizio "mainline", anche se i partner regionali Horizon e SkyWest volano con bombardieri e jet regionali per Alaska Air.

Ben Minicucci, Chief Operating Officer dell'Alaska Air, durante la chiamata era troppo presto per sapere se Alaska Air avrebbe mantenuto gli aerei Airbus di Virgin America o avrebbe cercato modi per sbarazzarsi di loro.

"Continueremo a gestire la flotta Airbus nel prossimo futuro. Decideremo in tempo se andremo in una singola flotta o se opereremo una flotta doppia ", ha detto Minicucci.

Allo stesso modo, il destino del marchio Virgin America è rimasto incerto. La Alaska Airlines ha affermato che il suo marchio, recentemente rinnovato con un logo aggiornato e uno schema di verniciatura per aerei, rimarrebbe.

Ma i funzionari dell'Alaska Air erano meno convinti del nome di Virgin America. Hanno riconosciuto che era diventato un marchio "potente" con una forte lealtà del cliente, ma ha detto solo che Alaska Air prenderà in considerazione modi per incorporare il marchio "lungo la strada".

Il prossimo passo più pressante per i funzionari dell'Alaska Air potrebbe essere l'approvazione regolamentare vincente per l'accordo. Alaska Air e Virgin America si sovrappongono solo su un numero limitato di rotte, di solito un criterio chiave osservato dalle autorità di regolamentazione nelle fusioni di compagnie aeree. Tuttavia, l'ondata di fusioni nel corso dell'ultimo decennio potrebbe lasciare Alaska Air e Virgin America ad affrontare atteggiamenti ostili da Washington per quanto riguarda l'ennesima fusione.

Kyle Levine, vice presidente legale e generale dell'Alaska Air Group, ha detto che la società non ha ancora contattato i regolatori per ottenere l'approvazione per l'accordo.

"Sappiamo che stanno andando a dare un'occhiata da vicino. Riteniamo di avere una buona storia da raccontare su di noi una concorrenza crescente e un posizionamento migliore per competere con vettori molto più grandi ", ha detto, osservando che" c'è una piccola sovrapposizione "tra le due reti di rotte aeree.

L'analista di Corridore ha previsto che Alaska Air avrà anche il via libera dai regolatori, che hanno già messo in luce fusioni molto più grandi come United-Continental, Delta-Northwest, Southwest-AirTran e American-US Airways.

"Sarebbe scioccante se i regolatori decidessero di concentrarsi su Alaska / Virgin piuttosto che su American / US Airways", dice Corridore. "Quindi non penso che sarà un problema."

Ma non tutti hanno previsto una navigazione tranquilla. Jaime Baker, un analista di compagnie aeree presso JP Morgan, ha suggerito che i regolatori potrebbero assumere una posizione più dura rispetto alle precedenti fusioni. Ha notato che il Dipartimento di Giustizia - che in precedenza aveva firmato un accordo con le quattro grandi fusioni - ha aperto l'anno scorso una sonda antitrust per indagare su diverse compagnie aeree statunitensi per possibili collusioni,

"Mettendo da parte l'analisi empirica, la realtà che il DOJ e il DOT stanno indagando su entità unite di recente non dovrebbe essere ignorata", ha avvertito Baker in una nota di ricerca.

Contributo: Charisse Jones